Sostienici

L'ADDA si batte costantemente per la salvaguardia dei randagi di Castellammare di Stabia e dintorni, nonchè di molte colonie feline. Sostenete la nostra opera di volontariato donando dei fondi. Un caffè o una pizza in meno fanno la differenza: basta poco per fare molto!

- CCP: 20279808
- Postepay: 4023 6005 9468 8238 intestata al presidente dell'ADDA Rosaria Boccacini (CF BCCRSR46L44C129G)

domenica 12 ottobre 2008

12 Ottobre 2008 - Benedizione degli animali

I volontari dell'Associazione si mettono al lavoro!




Piccoli amici a 4 zampe... ma non solo...

















Lo spettacolo di burattini offerto dalla compagnia Manivolando.
Lettura della preghiera e benedizione degli animali.




12 Ottobre 2008 - Rassegna stampa

mercoledì 24 settembre 2008

L'Adda: "Attenti ai falsi animalisti"

IL MATTINO
24 SETTEMBRE 2008

L'Adda: "Attenti ai falsi animalisti"

Castellammare (NA). "Falsi animalisti in rete raccolgono fondi per la sterilizzazione dei randagi". La denuncia è dell'Adda stabiese. Da settimane a detta dei volontari dell'associazione della città termale, enti fittizi chiedono soldi per dare una mano agli animali abbandonati del territorio. A volte anche porta a porta. "E' l'ultima trovata, ingegnosa devo dire, ma pericolosa - ha commentato Rosaria Boccaccini presidente dell'associazione a difesa dei quattro zampe del comprensorio - dei truffatori che più che amare i cuccioli o salvare i cani abbandonati, vogliono arricchirsi a spese dei malcapitati e ingenui amici degli animali e con varie scuse riescono a scucire anche centinaia di euro. Noi come associazione prendiamo le distanze da certe iniziative - ha concluso l'animalista - e i nostri collaboratori e conoscenti sanno con quale spirito di abnegazione portiamo avanti la nostra attività da anni, non sempre con l'aiuto delle istituzioni. Ma finalmente funziona di nuovo il servizio veterinario dell'Asl Napoli 5 di Pompei, perciò le sterilizzazioni sono gratis".
ti.es.

domenica 14 settembre 2008

La vicenda di Chicca


A fine Luglio la nostra associazione è stata contattata telefonicamente da una persona che ci informava di aver trovato sui boschi di Quisisana un cucciolo di cane ferito alle zampe, molto probabilmente perché investito da un motorino.
L'ADDA, nella persona del presidente Rosaria Boccacini, impossibilitata ad intervenire tempestivamente, pregò l’interlocutore di trasportare il cane alla Clinica Veterinaria Mediterraneo di Piano di Sorrento; ma la persona non si dichiarò disponibile a ciò che le veniva chiesto, e lasciò l’animale incustodito.
Successivamente, il presidente ed una responsabile dell’ADDA, prof.ssa Silvana Cascone, si recarono sui boschi per cercare il cane, ma non fu possibile trovarlo perché, come riferito da alcuni anziani del posto, era stato prelevato da un giovane e portato via. A loro dire la stessa sorte era toccata di recente ad intere cucciolate abbandonate in loco, e ad animali anziani che l'ADDA ben conosceva per le cure e per alcuni interventi di sterilizzazione effettuati in passato.

L'ADDA, saputo fortuitamente tramite un messaggio circolante in una mailing list animalista che il cane in questione era stato prelevato e detenuto dal Sig. Luca Romano ed era sul punto di partire per Milano, alla luce del DPR del 31-3-79 art. 3 gazzetta ufficiale n. 150, che vieta ai comuni cittadini di impossessarsi arbitrariamente dei randagi presenti sul territorio, ed alla luce della collaborazione tra l’associazione stessa, i Vigili Urbani e l'ASL NA5 in caso di ritrovamento di animali feriti o bisognosi di cure, si adoperò con vari mezzi al fine di evitare la partenza dell’animale. Si ricorda, infatti, che il responsabile della tutela e del benessere degli animali che vivono sul territorio è il Sindaco di ogni comune; nessun cittadino può impossessarsene, anche se sono randagi. Ciascuno può invece informare e segnalare i problemi ad essi relativi al comando dei Vigili Urbani, che può chiedere la collaborazione della nostra associazione; successivamente, in caso di un soccorso specifico, si allerta il Servizio Veterinario dell’ASL.

Dopo diversi nostri interventi nelle suddette mailing list, il Sig Romano prese contatto con l'ADDA, che gli intimò di consegnare il cane alla Clinica Veterinaria Mediterraneo, tempestivamente contattata. Il Sig Romano acconsentì.
Tuttavia, fin dal primo momento, il personale della Clinica fu importunato telefonicamente a più riprese da persone estranee alla vicenda, che pretendevano informazioni sullo stato di salute del cane; questo fino al giorno in cui il Sig Romano stesso si presentò alla Clinica per richiedere con modi bruschi e minacciosi la restituzione del cane, tanto da indurre il personale dell'ambulatorio, nel giorno 28 agosto, a segnalare l'accaduto ai Carabinieri.

Saputo di queste gravi intimidazioni, l'ADDA chiese all'ASLNA5 di tutelare l’animale prendendolo in custodia, al fine di garantire la salvaguardia del cane e di tutti gli interessati. Chicca, prelevata dai responsabili dell'ADDA, veniva consegnata il giorno 2 settembre all'ASL NA5, con le ferite prodotte dal bendaggio ormai in via di guarigione.

Nonostante gli infamanti messaggi circolati in alcune mailing list, per Chicca ci eravamo attivati fin da subito trovando sia il veterinario in loco, disponibile ad operarla, sia una famiglia disposta ad adottarla.
E' inutile far viaggiare i cani per l'Italia se c'è possibilità nella nostra città sia di effettuare accertamenti ed interventi chirurgici che di trovare adozioni facilmente controllabili; non comprendiamo la ragione che ha indotto persone totalmente estranee, ossia che non conoscono né i luoghi né gli animali né le persone che vi vivono, ad intervenire presentando il nostro paese come sede di mostri indifferenti, che hanno bisogno dell'aiuto di gente di fuori per accudire i randagi presenti sul territorio.

Dopo essere stata affidata alla tutela dell'ASL NA5, Chicca ha trovato, nella città di Castellammare, qualcuno che la ami veramente e che si occuperà di lei per tutta la vita.

martedì 2 settembre 2008

Rassegna Stampa 2 Settembre

IL MATTINO
2 SETTEMBRE 2008

Randagi maltrattati e seviziati dalle babygang sui boschi di Quisisana

Castellammare (NA). Randagi maltrattati e seviziati dalle babygang sui boschi di Quisisana. E una giovane donna aggredita per aver cercato di difendere i cuccioli senza padrone dai giochi violenti dei teppisti del centro antico. La donna è stata presa di mira dai ragazzini prima con insulti e poi con spintoni, calci, pugni. La signora ha dovuto farsi medicare all'ospedale san Leonardo, poi ha presentato denuncia a carabinieri e polizia. "E' assurdo, i cagnolini sono diventati i giocattoli preferiti dei bulli - racconta -. Li usano e li uccidono. Io amo gli animali e se ci riesco porto gli avanzi ai randagi. Non riesco ad assistere alle violenze senza ribellarmi. Perciò mi hanno aggredita, ma adesso devono intervenire le istituzioni e le forze dell'ordine perché le babygang sono una piaga per il comprensorio e le associazioni di volontari da sole non possono fare fronte, soprattutto senza le sterilizzazioni dell'Asl che adesso interviene solo in caso di cani che mordono e sono morti".
La preoccupazione è condivisa dall'associazione Adda. "Quest'estate è stata piena di episodi di intolleranza e violenza gratuita - commenta Rosaria Boccaccini, responsabile dell'ente a difesa degli animali -. Cani e gatti avvelenati, uccisi o lasciati morire sono la normalità dalle nostre parti, ma ormai da soli la nostra battaglia non possiamo più combatterla, serve la collaborazione di tutti per la sterilizzazione".
t.e.

martedì 19 agosto 2008

Estate alle Terme di Stabia

Le volontarie dell'ADDA impegnate nell'attività alle Terme Stabiane.







sabato 31 maggio 2008

Il 5x1000 all'ADDA

Quest'anno l'ADDA è tra i destinatari del 5x1000, pertanto chi volesse aiutarci a portare avanti le nostre attività, può farlo inserendo il codice fiscale relativo alla nostra associazione, cioè 90019970632.

E' gratuito per chi dona ed è un importante aiuto per l'associazione. Grazie a chiunque deciderà di sostenerci!

venerdì 16 maggio 2008

L'ADDA alle Terme Stabiane















16-17-18/05/2008
L'ADDA partecipa alla festa per il 60° anniversario della nascita della federazione Pro Natura di cui è federata.

Tutte le domeniche l'ADDA sarà presente nel complesso delle Nuove Terme Stabiane per portare avanti le proprie campagne di sensibilizzazione a favore degli animali.